Informazioni su Italia Culturale

Margherita Paleologo: donna al potere

Margherita Paleologo (dal sito www.marchesimonferrato.it)

Nata l’11 agosto 1510 a Pontestura (AL), Margherita Paleologo era la secondogenita di Guglielmo IX Marchese di Monferrato e di Anne d’Alençon.

Stemma dei Paleologi (da Wikipedia)

Nel 1531 sposa Federico Gonzaga – marchese del Monferrato dal 1517 e primo duca di Mantova. Dopo le nozze si traferisce a Mantova in un palazzo fatto costruire apposta per lei – progettato da Giulio Romano (1499-1546) – e che da lei prendererà il nome: Palazzina della Paleologa.

Nel 1540 Federico Gonzaga muore e Margherita si ritrova con 6 figli in tenera età uno in arrivo.  Il primogenito Francesco, nuovo duca, aveva allora sette anni, essendo nato il 10 marzo 1533; a lui erano seguiti Guglielmo (il 4 apr. 1538), Ludovico (il 18 sett. 1539), Federico, futuro cardinale (nato nel luglio 1540 pochi giorni dopo la morte del padre), Isabella (nata nel 1534), Eleonora e Anna, entrambe religiose domenicane nel convento di S. Vincenzo in Mantova delle quali non è nota la data di nascita. Discordanti sono tuttavia le notizie sul numero dei figli avuti da Margherita che, secondo Litta, sarebbero stati otto.

Per espressa volontà testamentaria del duca Federico, Margherita assunse lareggenza unitamente ai cognati: il cardinale Ercole e Ferrante, viceré di Sicilia. Poiché quest’ultimo era impegnato nella difesa degli interessi ispano-imperiali in Sicilia, la conduzione degli affari del Mantovano fu affidata in buona parte al cardinale, mentre la gestione delle pratiche del Monferrato spettò a Margherita.

Tuttavia Francesco morì nel 1550 a causa di una polmonite, dopo solo un anno dalle nozze con l’arciduchessa Caterina d’Austria celebrate il 22 ottobre 1549.

In questo primo periodo di reggenza, il buon governo di Margherita e dei cognati aveva portato un ristabilimento delle finanze e la creazione di nuove fabbriche cittadine.

Dopo la morte di Francesco, la reggenza tornò a Margherita e durerà fino al 1559 quando le succedette suo figlio secondogenito Guglielmo.



Albero genealogico dei Marchesi del Monferrato. Tratto dai "Compendi Historici" 1668 (da Wikipedia)

Nel secondo periodo di reggenza venne istituita il magistero della Rota, la costituzione di una misura fissa per i pesi e le misure, il miglioramento del porto fluviale di Mantova, la fortificazione delle difese murarie.

Margherita seppe fornire prova di sagacia e prudenza, sia nella conduzione della cosa pubblica sia, forse in misura maggiore, nella politica estera. La sua attività di incessante mediazione è testimoniata dal ricco copialettere conservato presso l’Archivio di Stato di Mantova, in cui gli oltre 4600 dispacci danno conto, oltre che degli stretti rapporti mantenuti con innumerevoli personaggi dell’epoca, anche della sua attitudine nel procedere con saggezza, da un lato con la corte di Francia dove poteva far valere di essere figlia di una d’Alençon e imparentata con Francesco I, dall’altro con la corte imperiale dalla quale le erano giunte le due nuore.

Nel campo delle attività culturali, è nota la protezione accordata da Margherita in Casale all’Accademia degli Illustrati di cui Stefano Guazzo, suo segretario dal 1559 dopo esserlo stato del figlio Ludovico in Francia, fu uno dei principali animatori curandone, nel 1567, la silloge delle rime composte dagli accademici «in morte dell’Illustr.ma et Eccell. ma Margherita Paleologa».

Morì a Casale Monferrato il 28 dicembre 1566 e fu sepolta nella chiesa di Santa Paola a Mantova.

(fonte: DBI, 70, 148-151)

Sulla storia del Monferrato durante la dominazione dei Gonzaga, italiaculturale.it segnala: B.A. Raviola, Il Monferrato gonzaghesco. Istituzioni ed élites di un micro-Stato (1536-1708), Firenze, 2003.

Share

4 Commenti »

  1. Quinto centenario della nascita di Margherita Paleologo dice,

    Scritto il 14 marzo 2010 alle ore 00:14

    […] occasione del V centenario della nascita di Margherita Paleologo, il Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” promuove una serie di iniziative a […]

  2. Cinquecento anni di monete in Monferrato dice,

    Scritto il 28 maggio 2010 alle ore 20:18

    […] giugno 201010:30a13:00E’ una dama ad unire la storia del Monferrato e di Mantova, Margherita Paleologo, duchessa delle terre dei Gonzaga e del Monferrato. Durante la sua vita (1510 – 1566), la zecca […]

  3. Una protagonista del Rinascimento: Margherita Paleologo duchessa di Mantova e Monferrato dice,

    Scritto il 6 giugno 2010 alle ore 21:44

    […] giugno 201010:00a13:00Celebrazioni per il V Centenario della nascita di Margherita Paleologo Duchessa di Mantova e di […]

  4. Margherita Paleologo, duchessa di Mantova e del Monferrato dice,

    Scritto il 19 settembre 2010 alle ore 10:14

    […] settembre 201015:00a18:00Al ruolo di Margherita Paleologo, sposa di Federico II Gonzaga nel 1536 e apportatrice a Mantova dell’imponente dote del […]

Segui i commenti all'articolo via RSS · TrackBack URI

Lascia un commento

Name: (Required)

E-mail: (Required)

Website:

Comment:

*