Informazioni su Italia Culturale

La Pasqua in Italia

Michelangelo, Pietà, 1499 (da Wikipedia)

Era verso mezzogiorno, quando il sole si eclissò e si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. Il velo del tempio si squarciò nel mezzo. Gesù, gridando a gran voce, disse: “Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito”. Detto questo spirò.

Visto ciò che era accaduto, il centurione glorificava Dio: “Veramente quest’uomo era giusto”. Anche tutte le folle che erano accorse a questo spettacolo, ripensando a quanto era accaduto, se ne tornavano percuotendosi il petto. Tutti i suoi conoscenti assistevano da lontano e così le donne che lo avevano seguito fin dalla Galilea, osservando questi avvenimenti.

(Luca, 23, 44-49)


 

La Pasqua è la festività del calendario liturgico cristiano che celebra la resurrezione di Gesù. Questa, secondo le Scritture, sarebbe avvenuta il terzo giorno successivo alla sua morte in croce.

La festa della Pasqua cristiana è mobile, viene fissata di anno in anno nella domenica successiva alla prima luna piena (il plenilunio) successivo all’equinozio di primavera (il 21 marzo). La regola che fissa la data della Pasqua cristiana fu stabilita nel 325 dal Concilio di Nicea.

Se dunque nel 2009, la Pasqua è caduta il 12 aprile, nel 2010 cade il 4 aprile, e il prossimo anno – nel 2011 – cadrà il 24 aprile.

Settimana Santa

La Settimana Santa è la settimana nella quale si celebrano gli eventi correlati agli ultimi giorni di Gesù, ovvero, il periodo che precede la Pasqua, cioè la domenica in cui si ricorda la Resurrezione dai morti di Gesù Cristo.

Domenica delle Palme

In questo giorno la Chiesa ricorda il trionfale ingresso di Gesù a Gerusalemme in sella ad un asino, osannato dalla folla che lo salutava agitando rami di palma (Giovanni 12,12-15). La folla, radunata dalle voci dell’arrivo di Gesù, stese a terra i mantelli, mentre altri tagliavano rami dagli alberi di ulivo e di palma, abbondanti nella regione, e agitandoli festosamente gli rendevano onore.

La liturgia della Domenica delle Palme si svolge iniziando da un luogo al di fuori della chiesa dove si radunano i fedeli e il sacerdote benedice i rami di ulivo o di palma che sono portati dai fedeli, quindi si dà inizio alla processione fin dentro la chiesa. Qui giunti continua la celebrazione della Messa con la lunga lettura della Passione di Gesù.

Generalmente i fedeli portano a casa i rametti di ulivo e di palma benedetti, per conservarli quali simbolo di pace, scambiandone parte con parenti ed amici.

Lunedì, martedì, mercoledì santo

Il lunedì, martedì e mercoledì santo la Chiesa contempla in particolare il tradimento di Giuda per trenta denari.

Giovedì santo

 

Leonardo da Vinci, Cenacolo, 1495-8 (da Wikipedia)

In questo giorno, appartenente al Triduo Pasquale, si ricorda l’Ultima Cena di Gesù con i suoi apostoli e il tradimento di Giuda.

Con la messa che si celebra il giovedì santo comincia il TRIDUO PASQUALE. In ora serale si celebra la solenne Messa della cena del Signore, nella quale si ricorda l’Ultima Cena di Gesù, la istituzione dell’Eucarestia e del sacerdozio ministeriale, e si ripete il gesto simbolico della lavanda dei piedi effettuato da Cristo nell’Ultima Cena.



Venerdì santo

Il Venerdì Santo è il giorno della morte di Gesù sulla Croce. Il in questo è tradizione effettuare, in molti posti per le strade, l’esercizio della Via Crucis. La chiesa cattolica pratica il digiuno ecclesiastico e si astiene dalle carni come forma di partecipazione alla passione e morte del suo Signore.

La Via Crucis si riallaccia idealmente alla via percorsa da Gesù per giungere alla vetta del Monte Calvario. Le Viae Crucis sono innumerevoli, tipiche della pietà cattolica dell’Occidente. Sono erette all’interno delle chiese e nei chiostri monastici; sono all’aperto in portici e colline, in cui caratteristici capitelli segnano il cammino che conduce a santuari e ad altre mete di pellegrinaggio, e quasi santificano il paesaggio con le loro croci e le loro immagini evocatrici della Passione del Signore.

Le stazioni della Via Crucis sono 14:

  • Prima Stazione: Gesù è condannato a morte.
  • Seconda Stazione: Gesù è caricato della Croce
  • Terza Stazione: La prima caduta.
  • Quarta Stazione: Gesù incontra sua Madre.
  • Quinta Stazione: Gesù aiutato da Simone di Cirene.
  • Sesta Stazione: La Veronica asciuga il Volto di Gesù.
  • Settima Stazione: La seconda caduta.
  • Ottava Stazione: Gesù incontra le pie donne.
  • Nona Stazione: La terza caduta.
  • Decima Stazione: Gesù spogliato delle vesti.
  • Undecima Stazione: Gesù è inchiodato alla Croce.
  • Dodicesima Stazione: Gesù muore in Croce.
  • Tredicesima Stazione: Gesù è deposto dalla Croce.
  • Quattordicesima Stazione: Gesù è sepolto.

Ecco la rappresentazione della 14 stazioni a Caltanissetta:


Sabato santo

Andrea Mantegna, Cristo Morto, 1480-90 (da Wikipedia)

Il Sabato Santo è il secondo giorno del Triduo Pasquale. In tale giornata, come nel Venerdì Santo, la Chiesa cattolica non offre il sacrificio della Messa fino alla Veglia Pasquale, che si svolge nella notte tra il Sabato Santo e la Domenica di Pasqua; in molte chiese rimane esposta la Croce servita per l’adorazione il Venerdì Santo; l’Eucarestia non è conservata nel Tabernacolo, ma viene portato in un altro luogo della chiesa chiamato altare della reposizione. Le luci e tutte le candele sono spente. Gli altari sono spogli, senza tovaglia né copritovaglia. Sui tabernacoli manca il conopeo.

Questo è un giorno di silenzio per la Chiesa cattolica, durante il quale i suoi fedeli attendono l’annuncio della Risurrezione. È l’unico giorno dell’anno in cui non viene distribuita l’Eucarestia.

Pasqua di Resurrezione

Piero della Francesca, Resurrezione, 1450-63 (da Wikipedia)

La domenica di Pasqua celebra la resurrezione di Gesù, che, secondo le Scritture, sarebbe avvenuta il terzo giorno successivo alla sua morte in croce.

La Pasqua cristiana è in stretta relazione con quella ebraica, chiamata Pesach che celebra essenzialmente la liberazione degli Ebrei dall’Egitto grazie a Mosè.

La Pasqua con il Cristianesimo ha perduto il suo significato originario, venendo a connotare un “passaggio”, ovvero:

  • passaggio da morte a vita per Gesù Cristo;
  • passaggio a vita nuova per i cristiani (in particolare per quelli che, nella Veglia Pasquale, ricevono il battesimo).

Perciò, la Pasqua cristiana è detta Pasqua di risurrezione, mentre quella ebraica è Pasqua di liberazione, dalla schiavitù d’Egitto.

Lunedì dell’Angelo

Il lunedì dell’Angelo (detto anche lunedì di Pasqua oppure Pasquetta) è il giorno dopo la Pasqua.

Prende il nome dal fatto che in questo giorno si ricorda l’incontro dell’angelo con le donne giunte al sepolcro. Popolarmente si usa maggiormente il termine Pasquetta.

Il lunedì dell’Angelo, in Italia, è un giorno di festa che generalmente si trascorre insieme a parenti o amici con una tradizionale gita o scampagnata, pic-nic sull’erba e attività all’aperto. Una interpretazione di questa tradizione potrebbe essere che si voglia ricordare i discepoli diretti ad Emmaus. Infatti, lo stesso giorno della Resurrezione, Gesù appare a due discepoli in cammino verso Emmaus a pochi chilometri da Gerusalemme: per ricordare quel viaggio dei due discepoli si trascorrerebbe, dunque, il giorno di Pasquetta facendo una passeggiata o una scampagnata “fuori le mura” o “fuori porta”.

 

Argomenti correlati:

Riti della Settimana Santa in Italia

Vacanze di Pasqua in Italia 

Share

2 Commenti »

  1. I riti della Settimana Santa in Italia dice,

    Scritto il 15 marzo 2010 alle ore 12:49

    […] corso della Settimana Santa si svolgono in tutta Italia rappresentazioni e processioni che commemorano la Passione, la Morte e […]

  2. Uovo di Pasqua, significato uova pasquali di cioccolato dice,

    Scritto il 25 marzo 2012 alle ore 17:08

    […] un simbolo di speranza e rappresenta la sconfitta della morte e il trionfo della vita eterna. La domenica di Pasqua era un tempo chiamata anche Pasqua d’Uovo, perché si festeggiava mangiando uova sode […]

Segui i commenti all'articolo via RSS · TrackBack URI

Lascia un commento

Name: (Required)

E-mail: (Required)

Website:

Comment:

*