Informazioni su Italia Culturale

Federico Fellini in mostra al MAMbo di Bologna

Federico Fellini, Sogno del 1° aprile 1975 (da cinetecadibologna.it)

Dal 25 marzo al 25 luglio 2010, il Museo d’arte moderna di Bologna (MAMbo) ospita una mostra dedicata ad un dei più grandi registi italiani: Federico Fellini. Dall’Italia alla luna.


 

La mostra

L’esposizione analizza la nascita e lo sviluppo del mito felliniano cercando di avvicinarsi al regista attraverso le sue ossessioni: quelle che lo hanno ispirato, il suo immaginario onirico, le scene, le location e i backstage dei film.

Proprio per questo la mostra si articola in aree tematiche, abbandonando del tutto l’approccio cronologico: Cultura popolare, Fellini al lavoro, La città delle donneInvenzione biografica. Si tratta di una retrospettiva multimediale: all’interno sono visibili oltre 200 fotografie, 50 disegni autografi, 30 postazioni audio-video di cui 12 videoproiezioni, centinaia di documenti, estratti da riviste, locandine, manifesti, diapositive, copertine.

Un’altra sezione è La magia del fuori sinc – curata da Tatti Sanguineti e Roberto Chiesi – dedicata a ‘Fellini e la voce’, con numerosi materiali audiovideo.




Particolare spazio è riservato alle immagini in movimento messe in rapporto dialettico con le immagini fisse: una serie di schermi e proiezioni presentano estratti e montaggi di lavori di Fellini, accanto a nastri di prova, scene tagliate, filmati e cinegiornali dell’epoca.

Attraversando le sale, i visitatori avranno modo di prendere confidenza con i temi che hanno dato forma al lavoro di Fellini: il circo, le caricature, i fotoromanzi, la donna nelle sue polimorfe incarnazioni, la ri-creazione della realtà a Cinecittà, l’ambivalenza del sentimento religioso, l’immaginazione che sfida la realtà, la psicanalisi e il sogno, la relazione con i media, la fascinazione per le riviste illustrate, il rifiuto per la televisione, l’invenzione delle parole.

Opere Esposte

INTRO

  • Andrea Pazienza, Manifesto de La città delle donne, 1980 – Archivio Maurizio Baroni
  • Gigi De Santis, Manifesto di 8 ½, 1963- Cineteca di Bologna, Archivio della Grafica
  • Sandro Symeoni, Manifesto de La dolce vita, 1960 – Archivio Maurizio Baroni
  • Rinaldo Gèleng, Manifesto di Amarcord, 1973 – Archivio Maurizio Baroni
  • Carlantonio Longi, Manifesto di Luci del varietà, 1950  – Archivio Maurizio Baroni
  • Rinaldo Gèleng, Manifesto de I clowns, 1970 – Archivio Maurizio Baroni
  • Rinaldo e Giuliano Gèleng, Manifesto di Roma, 1972 – Archivio Maurizio Baroni

CULTURA POPOLARE

  • Federico Fellini, disegno preparatorio per Lo sceicco bianco, 1952 ca. – Fondo Renzo Renzi – Collezione Cineteca di Bologna
  • Federico Fellini e Milo Manara, Il viaggio di G. Mastorna detto Fernet, in “Il Grifo”, n. 15, luglio-agosto 1992 – Biblioteca “Renzo Renzi” della Cineteca di Bologna
  • Marcello Mastroianni, provino per Il viaggio di G. Mastorna, 1966 – Fotografia di Tazio Secchiaroli – Collezione David Secchiaroli, Milano
  • Giulietta Masina nel ruolo di Gelsomina, La strada, 1954 – Collezione Christoph Schifferli, Zurigo
  • Casting per Il Casanova di Federico Fellini, 1976 (Sacha Pitoëff e Geneviève Fontanel) – Fotografia di Michelangelo Durazzo – Collezione Fondation pour le cinéma, Sion – Per gentile concessione di agence ANA, Parigi
  • Marcello Mastroianni, scena dello striptease, La dolce vita, 1960 – Fotografia attribuita a Pierluigi – Collezione Fondation Jérôme Seydoux – Pathé, Parigi

FELLINI AL LAVORO

Fellini sul set

  • Federico Fellini, caricatura dello sceneggiatore, Ennio Flaiano – inchiostro nero su carta, s.d.
  • Giulietta Masina, prova costume per il ruolo di Cabiria, Le notti di Cabiria, 1956 – Collezione Cineteca di Bologna
  • Federico Fellini, Marcello Mastroianni e Bernice Stegers sul set de La città delle donne, 1979 – Fotografia di Deborah Beer – Collezione Fondation Fellini pour le cinéma, Sion – Per gentile concessione di Archivio Bachmann-Beer / Cinemazero, Pordenone e Gaumont, Parigi
  • Ricostruzione in studio della spiaggia, La città delle donne, 1980 – Fotografia di Deborah Beer – Collezione Fondation Fellini pour le cinéma, Sion – Per gentile concessione di Archivio Bachmann-Beer / Cinemazero, Pordenone et Gaumont, Parigi

MAGIE DEL FUORI SINK

  • Federico Fellini, Nino Rota, s.d. – Fondo Tomasetig/De Santi, Fondazione Federico Fellini, Rimini – matita su carta
  • La voce di Fellini nei suoi film: doppiatore di Franco Interlenghi ne I vitelloni (1953), per lo spazio di una frase emblematica (“Addio Guido!”) – voce fuori campo e senza volto in Prova d’orchestra (1978) e La voce della luna (1990) voce narrante in I clowns (1970) e Intervista (1987)

LA CITTÀ DELLE DONNE

  • Anita Ekberg in La dolce vita, 1960 – Fotografia di Pierluigi – Collezione Christoph Schifferli, Zurigo
  • Giulietta Masina sul set de La strada, 1954 – Collezione privata
  • Maria Antonietta Beluzzi nel ruolo della tabaccaia, Amarcord, 1973 – Fotografia di Pierluigi – Collezione Cineteca di Bologna
  • Edra Gale nel ruolo della Saraghina, 8 ½, 1963 – Fotografia di Paul Ronald – Per gentile concessione di Archivio Storico del Cinema / AFE, Roma
  • Le natiche finte, La città delle donne, 1980 – Fotografia di Tazio Secchiaroli – Collezione David Secchiaroli, Milano et Gaumont, Parigi
  • La folla che assiste alle riprese della scena della fontana, La dolce vita, 1959 – Fotografia attribuita a Pierluigi – Collezione Fondation Jérôme Seydoux – Pathé, Parigi

INVENZIONE BIOGRAFICA

  • Giulietta Masina in Ginger e Fred, 1985 – Fotografia di Deborah Beer – Collezione Fondation Fellini pour le cinéma, Sion – Per gentile concessione di Archivio Bachmann-Beer / Cinemazero, Pordenone
  • Giulietta Masina vestita da clown per il numero di “Vogue” speciale Fellini, dicembre 1972 – gennaio 1973 – Fotografia di Tazio Secchiaroli – Collezione David Secchiaroli, Milano
  • Giulietta Masina e Federico Fellini sul set de La città delle donne, 1979 – Fotografia di Deborah Beer – Collezione Fondation Fellini pour le cinéma, Sion – Per gentile concessione di Archivio Bachmann-Beer / Cinemazero, Pordenone
  • Federico Fellini e Giulietta Masina durante le riprese de Le notti di Cabiria, 1957 – Collezione Christoph Schifferli, Zurigo
  • Federico Fellini e Giulietta Masina durante le riprese di Giulietta degli spiriti, 1965 – Collezione Cineteca di Bologna
  • Giulietta Masina e Federico Fellini a Parigi, s. d. – Collezione privata

Ecco la lista completa [.pdf 299 Kb]

Catalogo:

FELLINI. DALL’ITALIA ALLA LUNA, a cura di Sam Stourdzé.

La rassegna cinematografica

Parallelamente all’esposizione al MAMbo, viene proposta una rassegna cinematografica curata dalla Cineteca di Bologna che proporrà oltre ai film sceneggiati e diretti da Fellini, anche pellicole di registi che si sono ispirati al suo lavoro. Sono previsti da qui a luglio illustri ospiti, che hanno conosciuto e collaborato con il regista o si sono ispirati al suo cinema, come Emir KusturicaSergio ZavoliAnouk Aimèe e ancora Riccardo GarroneSergio Rubini e tanti altri.

Per il programma della Cineteca, visita la pagina dedicata.

Informazioni

Quando: dal 25 marzo al 25 luglio 2010 (chiuso il lunedì)

Biglietti: intero 6 euro – ridotto 4 euro

Mostra

Dove: MAMbo – Museo d’arte moderna di Bologna – Via Don Minzoni, 14 – 40121 Bologna – Tel. 051/6496611

e-mail: info@mambo-bologna.org

Sito web: www.mambo-bologna.org

Rassegna cinematografica

Dove: Cineteca di Bologna – Via Riva di Reno, 72 – 40122 Bologna – Tel. 051.2194826

Web: www.cinetecadibologna.it


Share

Lascia un commento

Nome: (Required)

E-mail: (Required)

Website:

Comment:

*