Informazioni su Italia Culturale

Le opere di Aurelio Bertoni in mostra a Bagolino

Prosegue con la personale di Aurelio Bertoni l’attività dello Studio d’Arte Zanetti recentemente inaugurato a Bagolino, nel cuore della Valle Sabbia in provincia di Brescia. Dopo il successo riscosso dalla mostra di Tullio Pericoli, va ora in scena l’esposizione dell’artista figurativo scoperto negli anni ottanta dall’ingegno critico di Giovanni Testori.

I canti dell’acqua. Viaggio pittorico fra Bagolino, Valle Sabbia e Valli Giudicarie” è il titolo – liberamente ispirato ai celebri Canti Pisani del poeta americano Ezra Pound – della rassegna pittorica, nata da un progetto di Mario Zanetti che con Domenico Montalto cura l’esposizione. Si tratta di una quarantina di opere – tra dipinti a olio, pastelli, acquerelli e incisioni – eseguite dall’artista tra il 2009 e il 2010 sul tema del paesaggio e della veduta con un’attenzione particolare per l’acqua.

Aurelio Bertoni, Tuffi nel lago d'Idro, 2010, olio su rame, cm 25x20

L’artista – su suggerimento e invito di Mario Zanetti, cavalletto e cassetta dei colori in spalla, come facevano i pittori en plein air d’una volta – è salito fino in Valle Sabbia. Un soggiorno trascorso concentrandosi sul ciclo di lavoro esposto nella mostra. Un grand tour che, a più tappe, l’ha portato a soffermarsi e a dipingere sulle sponde del Lago d’Idro, dei fiumi Caffaro e Chiese, dei torrenti d’altura, fra gli alpeggi del Passo di Crocedomini e i boschi del Maniva, fra le abetaie del Gaver, fra le vecchie case e gli orti di Bagolino, fra pietre e paesi dove la natura cela una bellezza riservata e maestosa. In questo viaggio Bertoni si è spinto anche nell’ambiente montano del Trentino Occidentale, ha attraversato il patrimonio ecologico della Val di Daone fino alle Valli Giudicarie, dove, a Storo, ha “ritratto” la storica centrale elettrica e i soleggiati campi di mais dal colore tipicamente ramato.

“Ne è sortita una suite di quadri bellissimi, alitanti, dove l’autore dimostra la propria capacità di attualizzare – con accenti inconfondibilmente propri – la tradizione del moderno, dal romanticismo al simbolismo, dall’impressionismo all’espressionismo” – scrive il curatore Domenico Montalto spiegando che – “sono quadri in cui noi vediamo, soprattutto, scorrere acque, una musica di flutti che s’accorda con la sinfonia della tavolozza, fatta di colori freschi e dolci: blu profondi, azzurri turchesi e radianti, verdi acquosi, viola, grigi rosati. Per la sua capacità di accordare poetici cromatismi a una vivida semplificazione compositiva, a una pennellata decisa, di prima intenzione, Bertoni si conferma fra i più importanti paesaggisti contemporanei”.

La mostra è accompagnata da un catalogo con testo critico di Domenico Montalto, un’intervista di Chiara Gatti all’artista e due saggi sull’acqua, uno di Don Gabriele Scalmana e l’altro dello storico Alfredo Bonomi.

Aurelio Bertoni: breve biografia

Aurelio Bertoni nasce nel 1960 a Lovere, sul lato bergamasco del lago d’Iseo. Nello stesso paese si diploma al liceo artistico “Giorgio Oprandi” dove apprende i primi rudimenti dell’incisione calcografica. Alla fine degli anni settanta si trasferisce a Milano, per iscriversi al corso di pittura dell’accademia di Belle arti di Brera, tenuto prima dal maestro Purificato, poi dal prof. Terruso. Approfondisce in questi anni la tecnica della “puntasecca” sul tema della figura-ritratto; risale al periodo dell’accademia l’incontro con il critico Giovanni Testori, che di lì a poco, in occasione della sua prima mostra personale, pubblica una recensione partecipe nelle pagine culturali del “Corriere della Sera”. Molto legato al suo territorio, dove ha radici, decide di stabilirsi definitivamente a Lovere, dove oggi vive e lavora. In parallelo alla pittura svolge l’attività di insegnante d’Arte e Immagine nella scuola pubblica.

Coordinate della mostra

Titolo I canti dell’acqua. Viaggio pittorico fra Bagolino, Valle Sabbia e Valli Giudicarie. (opere 2009-2010)

A cura di Domenico Montalto e Mario Zanetti

Sede Studio d’Arte Zanetti, Via Fioravante Moreschi, 2 – Bagolino, Bs

Date domenica 24 ottobre 2010 – domenica 12 dicembre 2010

Orari da mercoledì a venerdì 10.30/12.00 – 16.00/19.00

sabato e domenica 10.00/12.30 – 15.30/19.30

chiuso lunedì e martedì, si riceve anche su appuntamento

aperto lunedì 1 novembre e martedì 7 dicembre

Catalogo in galleria, edito da Compagnia della Stampa, euro 10

Info pubblico tel. 0365.902009, fax 0365.903749

info@zanettiarte.com; www.zanettiarte.com

Ufficio Stampa Luca Vitale e Associati, tel. 030.2942170, info@lucavitaleassociati.it

Luca Vitale, tel. 335.601084; Erika Veschini, 348.4011735;

Margherita Saldi, tel 328.9675035

Share

Lascia un commento

Nome: (Required)

E-mail: (Required)

Website:

Comment:

*