Informazioni su Italia Culturale

Festa della donna 2010: storia ed eventi

Il simbolo italiano della festa della donna

La Giornata internazionale della donna (più nota come Festa della donna) ricorre l’8 marzo di ogni anno, simbolo di lotta per l’emancipazione femminile e memoria delle vessazioni subite nel corso dei secoli.

Contenuti dell'articolo

  1. Storia
    1. ORIGINI
    2. NEL MONDO
    3. IN ITALIA
  2. Eventi
 

Storia

ORIGINI

dal sito del Ministero dell’Interno .

Poster sovietico del 1932 dedicato all'8 marzo

1907: nel VII Congresso della II Internazionale socialista venne discusso, tra i vari argomenti, anche la tesi sulla rivendicazione del voto alla donne. Su questo argomento il Congresso votò una risoluzione nella quale si impegnavano i partiti socialisti a «lottare energicamente per l’introduzione del suffragio universale delle donne», senza «allearsi con le femministe borghesi che reclamano il diritto di suffragio, ma con i partiti socialisti che lottano per il suffragio delle donne».

1908: negli Stati Uniti, la socialista Corinne Brown presiede, il 3 maggio, la domenicale conferenza del Partito socialista di Chicago nel Garrick Theater: quella conferenza, a cui tutte le donne erano invitate, fu chiamata Woman’s Day, il giorno della donna. Si discusse infatti dello sfruttamento operato dai datori di lavoro ai danni delle operaie in termini di basso salario e di orario di lavoro, delle discriminazioni sessuali e del diritto di voto alle donne.


Quell’iniziativa non ebbe un seguito immediato, ma alla fine dell’anno il Partito socialista americano raccomandò a tutte le sezioni locali «di riservare l’ultima domenica di febbraio 1909 per l’organizzazione di una manifestazione in favore del diritto di voto femminile». Fu così che negli Stati Uniti la prima e ufficiale giornata della donna fu celebrata il 28 febbraio 1909.

1911: mentre negli Stati Uniti continuò a tenersi l’ultima domenica di febbraio, in Europa la giornata della donna si tenne per la prima volta il 19 marzo 1911 su scelta del Segretariato internazionale delle donne socialiste. Sull’origine e la scelta della data dell’8 marzo, sono vari i momenti storici a cui si può fare riferimento. Il più noto fu l‘incendio della fabbrica Triangle Shirtwaist Company a New York avvenuto il 25 marzo del 1911. Nell’incidente persero la vita 148 persone, di cui la maggior parte operaie. Più legate alla ricorrenza sono, invece, le marce di pace organizzate l’8 marzo del 1913 dalle donne di tutta Europa con l’approssimarsi del primo conflitto mondiale. Ed ancora, la manifestazione di piazza a San Pietroburgo del febbraio 1917 organizzata dalle donne russe per richiedere il rientro in patria di mariti e figli impegnati in guerra.

NEL MONDO

Rita Montagna, 1895-1976

Un percorso storico che, pur se frammentato, è stato sempre orientato ad una maggiore affermazione del ruolo delle donne nella società. Si pensi alle conferenze mondiali indette dall’ONU, prima fra tutte quella del 1975 Anno internazionale delle donne‘, a Città del Messico. In quell’occasione, obiettivo prioritario fu di favorire strategie e piani di azione per il raggiungimento dell’ugualianza fra i sessi e la piena partecipazione delle donne allo sviluppo e al rafforzamento della pace.

IN ITALIA

Nel settembre del 1944 si costituisce a Roma l’UDI, Unione Donne Italiane, per iniziativa di donne appartenenti al PCI, al PSI, al Partito d’Azione, alla Sinistra Cristiana e alla Democrazia del Lavoro ed è l’UDI a prendere l’iniziativa di celebrare, l’8 marzo 1945, le prime giornate della donna nelle zone dell’Italia libera, mentre a Londra veniva approvata e inviata all’ONU una Carta della donna contenente richieste di parità di diritti e di lavoro. L’8 marzo 1946 fu finalmente celebrato in tutta Italia e vide la prima comparsa del suo simbolo, la mimosa, che fiorisce proprio in quei giorni, secondo un’idea di Rita Montagnana e di Teresa Mattei.

Sulla storia del movimento femminista in Italia, vedi questa puntata de La storia siamo noi: clicca qui.

Sulla storia dell’8 marzo, della festa della donna, italiaculturale.it consiglia:

Eventi

In occasione della Festa della donna 2010, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali promuove una giornata particolare: il 6 e il 7 marzo offre a tutte le donne la possibilità di entrare gratuitamente nei luoghi d’arte statali. Le due giornate “Donne e arte” vogliono essere un omaggio a tutti coloro che nei secoli hanno individuato nella figura femminile una musa ispiratrice per la loro opera, e in particolare alle numerosissime donne che hanno contribuito in prima persona, con il proprio talento artistico, a superare pregiudizi ed ostacoli sociali.

Cerca il luogo più vicino o l’evento più interessante, cliccando qui.

Reti Amiche, l’iniziativa del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione per facilitare l’accesso dei cittadini-clienti alla PA e per ridurne i tempi di attesa, partecipa alla promozione dell’evento attraverso il sito www.trenitalia.it, gli sportelli bancomat di Intesa San Paolo, quelli di Unicredit con relativo sito web, i servizi on the job di IBM e ISED.

Numero verde 800 99 11 99

Share

Lascia un commento

Nome: (Required)

E-mail: (Required)

Website:

Comment:

*