Informazioni su Italia Culturale

Il Carnevale in mostra a Roma

Dal 10 febbraio al 5 aprile 2010, il Museo di Roma di Palazzo Braschi festeggia il Carnevale con circa 90 opere dedicate ai costumi, alle usanze, alla tradizione di questa festività nella storia della pittura.

(dal sito museodiroma.it)

Fino al 1870, nella Roma papalina il Carnevale è stato un appuntamento molto atteso dai romani e vissuto con grande partecipazione come il solo momento per dimenticare una vita dura, colma di miseria e privazioni.

“Re per un giorno” il popolo diventava protagonista dimenticando le rigide regole quotidiane e riversandosi nelle strade con licenza di divertimento. Ogni ordine sociale era sovvertito ed ogni scherzo era concesso in quei giorni di temporanea follia collettiva.




Per l’occasione via del Corso si trasformava in un teatro all’aperto dove alle maschere tradizionali – Cassandrino, Rugantino, Meo Patacca – si aggregavano costumi tratti dalla vita quotidiana: “il medico”, “il brigante”, “il nobile decaduto”. Piazza del Popolo era invece il punto di partenza per una sfrenata corsa nelle vie della città dei cavalli di origine nord-africana, i berberi.

Tra gli artisti romani, Bartolomeo Pinelli (1781-1835), insieme al figlio Achille (1809-1841), seppe cogliere lo spirito più profondo di questa festa riproducendo fedelmente i momenti salienti di questa spettacolare “messa in scena”, sebbene l’Ottocento abbia visto molte altre suggestive testimonianze pittoriche e incisorie sul Carnevale: quelle del disegnatore francese Jean Louis Baptiste Thomas, che dedicò molti dei suoi acquerelli alle corse dei Berberi o alle varie maschere che durante i giorni del Carnevale era consuetudine incontrare per le vie della città, per arrivare a dipinti di Werner, Orlov e Caffi.

Roberto Capucci, Donna gioiello, 1984 (dal sito museiciviciveneziani.it)

Ad esse si affianca l’esposizione della “Donna-Gioiello”, l’abito scultura realizzato da Roberto Capucci nel 1984 e donato al Museo Fortuny di Venezia, per l’occasione presentato per la prima volta al pubblico romano assieme al bozzetto originale e ad altri disegni ispirati al tema. Si tratta di un’opera con la quale il grande maestro intende render omaggio alle atmosfere festose del Carnevale e alla donna che viene deificata in uno straordinario costume di fantasia che nel copricapo a forma di maschera sembra far allusione a una sorta di divinità misteriosa.

Dove: Museo di Roma – Palazzo Braschi, Via di San Pantaleo – 00186 Roma – Tel. 06 82077304‎

Quando: dal 10 febbraio al 5 aprile 2010

Orario: da Martedì a Domenica ore 9.00 -19.00 – Ingresso consentito fino alle 18.00 – Chiuso lunedì

Biglietto d’ingresso: € 8,00 intero – € 6,00 ridotto – La biglietteria chiude un’ora prima

Informazioni: 060608 tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00

[map:http://maps.google.com/maps?f=q&source=s_q&q=palazzo+braschi+via+di+san+pantaleo+roma&ie=UTF8&hq=&hnear=Palazzo+Braschi,+Piazza+di+San+Pantaleo,+10,+00186+Roma,+Lazio,+Italy&ll=41.904896,12.472744&spn=0.026574,0.055189&z=14&iwloc=A]

Share

Lascia un commento

Nome: (Required)

E-mail: (Required)

Website:

Comment:

*