Informazioni su Italia Culturale

Anna Maria Mazzini in arte Mina

Mina (dal sito teatroantico.org)

Per festeggiare il 70° compleanno della più grande interprete musicale italiana, italiaculturale.it dedica spazio ad Anna Maria Mazzini conosciuta semplicemente come Mina.


 

“Questa voce così duttile da poter essere a volte così iperuranica e cristallina, altre volte calda e sorniona, a volte virtuosistica, a volte morbidamente interpretativa. È “la” voce italiana di questi trent’anni.”

G. Castaldo

Vita

Nata a Busto Arsizio il 25 marzo 1940, si trasferisce presto a Cremona, città con la quale è in qualche modo identificata da quando la giornalista ed amica Natalia Aspesi coniò per lei il soprannome Tigre di Cremona.

Mina nel 1959 a Cremona (da Wikipedia)

Solo nell’adolescenza comincia a muoversi nell’ambiente musicale: si esibisce alla guida d’un gruppo denominato gli Happy Boys. Nel 1958 viene notata dal discografico Davide Matalon che ne promuove il debutto, facendole incidere due brani in inglese (“Be Bop a Lula”, “When”) con lo pseudonimo di Baby Gate e due in italiano (“Non partir”, “Malatia”) col nome d’arte di Mina.

Con un nuovo complesso, i Solitari, appare durante una puntata di “Lascia o raddoppia”: canta “Nessuno“, proposta in precedenza da Wilma De Angelis.

Nel 1959 arrivano i primi premi: il Juke Box d’oro e il Microfono d’oro, Mina ha debuttato da appena un anno e ha già collezionato quindici 45 giri.

Con Tintarella di luna (1959) Mina raggiunge, invece, per la prima volta la prima posizione in hit-parade (16 gennaio 1960): il brano, divenuto in seguito un vero e proprio simbolo dell’epoca, viene inserito in film come “Urlatori alla sbarra” e “Jukebox, urli d’amore“, tra i primi esempi di musicarelli, ai quali partecipò anche Mina.

Partecipa a “Canzonissima 1960“, a vari festival di Sanremo (in verità, senza troppa fortuna), a “Studio Uno” (ove esegue una “Summertime” memorabile), nel 1965, 1966 e 1967: le sue cover di pezzi stranieri, da “Città vuota” (“It’s a lonely town”) sino a “Un anno d’amore” (“C’est irreparable”), surclassano gli originali e rendono l’idea di un’epoca meglio di qualunque libro o film.



Un memorabile incontro di Mina a Studio Uno con un grandissimo personaggio, Totò:

E’ il suo periodo più felice e fecondo: titoli quali “E se domani” (1964) o “Se telefonando” (1966) diventano subito dei classici; sulla scia di tanto successo, Mina fonda una propria etichetta, la PDU.

Mina e Adriano Celentano nel 1967 (da Wikipedia)

Gli anni 70 la vedono consolidare il proprio rapporto con Mogol e Battisti, cui deve alcune delle sue cose più belle, da “Insieme” (1970) a “Amor mio” (1971): ma la vetta della hit-parade la raggiunge con “Grande, grande, grande” (1971) di Tony Renis e Alberto Testa, già rifiutata da altre sue colleghe.

Il 1974 è l’anno del suo ultimo show televisivo, Milleluci, che la vede insieme a Raffaella Carrà.

L’addio televisivo è in grande stile: Milleluci può essere, infatti, definito l’ultimo grande show della Televisione italiana. Il ritiro dal video sembra definitivo, anche se la radio la vede ancora partecipare a Gran Varietà.

L’importante è finire (1975) ed Ancora ancora ancora (1978) vengono portate al successo da una Mina sempre meno visibile sui teleschermi, ma sempre più libera e audace nelle proprie scelte musicali e nella gestione della propria attività di cantante.

Il 1978 doveva essere l’anno del clamoroso ritorno di Mina alle esibizioni dal vivo. I concerti si sarebbero tenuti a Bussoladomani, sempre in Versilia, e sarebbero dovuti essere quindici, coprendo tutta la stagione estiva: in realtà furono solo undici a causa di un’infezione polmonare che colpì la cantante prima della conclusione dei live-evento, che comunque riscossero un successo enorme e insuperato in termini di coinvolgimento popolare. L’ultimo di questi concerti prevedeva una ripresa televisiva e la registrazione di un terzo disco dal vivo, poi ugualmente ricavato da una prova audio che casualmente era stata predisposta dal tecnico Nuccio Rinaldis proprio la sera dell’ultimo suo concerto in assoluto, il 23 agosto 1978. Il disco sarà intitolato semplicemente Mina Live ’78.

La sigla finale del programma Mille e una luce (estate 1978), in cui Mina presenta la sua Ancora ancora ancora in modo particolarmente ammiccante (intervenne addirittura la censura con la riduzione dei particolari sulla bocca), è ufficialmente la sua ultima apparizione televisiva.

Eccola:

Anche dopo il ritiro dalle scene, molte sue canzoni diventano grandi successi.

La sua produzione musicale è notevole: dal 1960 ad oggi ha pubblicato 101 album e le sue canzoni sono state scritte dai più grandi artisti della musica italiana, come Ennio Morricone che ha musicato Se telefonando, Cristiano Malgioglio, Maurzio Costanzo, Lina Wertmuller, Fabrizio De Andrè, e anche da esordienti.

Ha duetto con moltissimi cantanti, come Umberto Bindi, Adriano Celentano, Lelio Luttazzi, Giorgio Gaber.

Il 1° giugno 2001 viene insignita dell’onorificenza di Grande Ufficiale al merito della Repubblica dal presidente Carlo Azeglio Ciampi.

Le canzoni che sono state scritte per lei sono parte del nostro patrimonio culturale ed è veramente difficile stabilire quale sia la più bella. Repubblica.it ha provato a selezionare 15 pezzi per raccontare la storia di questo grande personaggio: clicca qui.

A Mina e agli anni in Rai, il Gruppo Editoriale L’Espresso ha dedicato uno speciale mettendo in luce anche quanto lo stile di Mina abbia inciso sul costume dell’Italia degli anni ’60: vedi qui.

Sulla presenza/assenza di Mina, leggi questo articolo di Aldo Grasso sul corriere.it.

Per il sito ufficiale, www.minamazzini.com

Discografia

Dal 1960 al 1969

1960 – Tintarella di luna

1960 – Il cielo in una stanza

1961 – Due note

1962 – Moliendo café

1962 – Renato

1963 – Stessa spiaggia, stesso mare

1964 – Mina

1964 – Mina N°7 (Raccolta con inediti)

1964 – 20 successi di Mina (2 LP) (Raccolta con inedito)

1965 – Studio Uno

1965 – Mina & Gaber: un’ora con loro (Raccolta con inediti)

1966 – Mina canta Napoli (estratto da: Canta Napoli, Artisti vari)

1966 – Studio Uno 66

1966 – Mina 2

1967 – Sabato sera – Studio Uno ’67

1967 – 4 anni di successi (Raccolta con inediti)

1967 – Dedicato a mio padre

1968 – Mina alla Bussola dal vivo

1968 – Le più belle canzoni italiane interpretate da Mina

1968 – Canzonissima ’68

1969 – I discorsi

1969 – Mina for You

1969 – Bugiardo più che mai…più incosciente che mai…

Dal 1970 al 1979

1970 – Mina canta o Brasil

1970 – Quando tu mi spiavi in cima a un batticuore

1971 – Del mio meglio (Raccolta con inediti)

1971 – Mina

1972 – Cinquemilaquarantatre

1972 – Dalla Bussola

1972 – Altro

1973 – Del mio meglio n. 2 (Raccolta con inediti)

1973 – Frutta e verdura

1973 – Amanti di valore

1973 – Del mio meglio n. 3 (Raccolta con inediti)

1974 – Evergreens (Raccolta con inedito)

1974 – Mina®

1974 – Baby Gate

1975 – La Mina

1975 – Minacantalucio

1976 – Singolare

1976 – Plurale

1977 – Mina quasi Jannacci

1977 – Mina con bignè

1979 – Attila (doppio LP)

Dal 1980 al 1989

1980 – Kyrie (doppio LP)

1981 – Salomè (doppio LP)

1982 – Italiana (doppio LP)

1983 – Mina 25 (doppio LP)

1984 – Catene (doppio LP)

1985 – Finalmente ho conosciuto il conte Dracula…(doppio CD)

1986 – Si, buana (doppio CD)

1987 – Rane supreme (doppio CD)

1988 – Ridi pagliaccio (doppio CD)

1989 – Uiallalla (doppio CD)

Dal 1990 al 1999

1990 – Ti conosco mascherina (doppio CD)

1991 – Caterpillar (doppio CD)

1992 – Sorelle Lumière (doppio CD)

1993 – Mina canta i Beatles (Raccolta con inediti)

1993 – Lochness (doppio CD)

1994 – Mazzini canta Battisti (Raccolta con inediti)

1994 – Canarino mannaro (doppio CD)

1995 – Pappa di latte (doppio CD)

1996 – Cremona

1996 – Napoli

1997 – Leggera

1998 – Mina Gold (doppio CD) (Raccolta Carosello con inediti)

1998 – Mina Celentano

1998 – Mina Studio Collection (doppio CD) (Raccolta con inediti)

1999 – Mina Gold 2 (Raccolta MBO con inediti)

1999 – Olio

1999 – Mina n° 0

Dal 2000 al 2009

2000 – Dalla terra

2001 – Colección latina (Raccolta EMI in spagnolo con inediti)

2001 – Sconcerto

2002 – Veleno

2003 – In duo (Raccolta con inedito)

2003 – Napoli secondo estratto

2003 – Napoli primo, secondo e terzo estratto (triplo CD)

2004 – Platinum Collection (triplo CD) (Raccolta con inediti)

2004 – Una Mina d’amore (Raccolta Carosello con inediti)

2005 – Bula Bula

2005 – L’allieva

2005 – Platinum Collection 2 (triplo CD)(Raccolta con inedito)

2006 – Bau

2009 – Todavía

2009 – Sulla tua bocca lo dirò

Per la discografia completa, clicca qui.

Filmografia

1960 – I Teddy Boys della canzone

1960 – Appuntamento a Ischia

1960 – Madri pericolose

1960 – Urlatori alla sbarra

1960 – Juke box urli d’amore

1961 – Mina… fuori la guardia

1961 – Io bacio… tu baci

1962 – Universo di notte

1962 – Das haben die Mädchen gern

1962 – Appuntamento in Riviera

1963 – Canzoni nel mondo

1967 – Per amore… per magia…

Bibliografia

Infine qualche proposta di lettura per conoscere Mina:

Share

5 Commenti »

  1. il 25 marzo 2010 Mina compie 70 anni dice,

    Scritto il 21 marzo 2010 alle ore 21:18

    […] 25 marzo 2010 Mina Mazzini compie 70 […]

  2. Giuliana Scialla dice,

    Scritto il 25 marzo 2010 alle ore 10:14

    Augurissimi cremonese doc da una cremonese più sfortunata.Ciao Giuly

  3. italiastreamingtv.com | Pramavi- All is Well dice,

    Scritto il 2 aprile 2010 alle ore 13:30

    […] Anna Maria Mazzini in arte Mina […]

  4. Francisco Lasala Romero- dice,

    Scritto il 13 agosto 2010 alle ore 04:45

    Hola Mina desde mí tierna infancia q vivi en Itali Banzi Basilicata me encantaban tus canciones y ahora en mí madurez me sigues acompañando con esa gran pasión q pones en todas tus canciones si logras ver este comentario te envío buenas vibras
    y q goces de una muy buena salud q en tú vida reyne la alegría
    cariños desde Iquique Chile ojala algún dia puedas venir es maravilloso mq escribes a mi e-mail proyectobic@yahoo.com y aqui te recibimos encantados un cariñoso abrazo ciao Mina.

  5. roberto dice,

    Scritto il 29 ottobre 2010 alle ore 21:23

    Ho un bel ricordo di te alla bussula quando ti guardavo io sono del 1943 con mia moglie attuale che bei momenti grazie a te..con simpatia e ammirazione Roberto

Segui i commenti all'articolo via RSS · TrackBack URI

Lascia un commento

Name: (Required)

E-mail: (Required)

Website:

Comment:

*